Contenuto principale

Messaggio di avviso

 

 

15977307 1074005719412840 5114613333106973517 n

Dott.Luigi Pepe

   

Luigi Pepe (Napoli, 25 dicembre 1961) è un giornalista italiano - membro dell'Ucsi (Unione Stampa Cattolica Italiana) e dell'Age (Associazione Giornalisti Europei) - impegnato, da oltre un trentennio, particolarmente nei settori della politica estera e della comunicazione istituzionale.

Si laurea in Giurisprudenza all'Università di Napoli con una tesi in Dottrina dello Stato sul ruolo dei dossettiani alla Costituente. Lavoro impreziosito da un lungo colloquio/intervista con l'ex Presidente della Repubblica Giovanni Leone, al quale lo legherà da allora fino alla Sua scomparsa una sincera amicizia.

Nel 1987 si trasferisce a Roma, dove viene assunto al settimanale della Confcommercio, Commercio Turismo (poi, Impresa Italia). Segue in particolare le attività del Cnel e delle Commissioni parlamentari che si occupano delle politiche inerenti il terziario di mercato.

Nel 1990 diviene Giornalista professionista in seguito al superamento dell’esame di Stato. Nello stesso anno assume la vicedirezione della rivista Europa Finanza, dando inizio ad un'intensa attività da esterista che lo porterà a seguire numerosi vertici internazionali e visite bilaterali di personalità politiche italiane.

Contemporaneamente avvia una collaborazione con il Gr2 Rai che lo vedrà inviato in varie zone di conflitto, dal Golfo Persico alla Somalia alla Bosnia, nonché in vari Paesi dell'Est Europa impegnati nel passaggio alla democrazia dopo il crollo del comunismo.

In quegli anni realizza altresì importanti interviste a personalità di grande rilievo quali, fra le altre, Re Juan Carlos di Spagna e Madre Teresa di Calcutta, Mikhail Gorbaciov e Yasser Arafat, Re Hassan del Marocco ed Helmut Kohl.
Nel 1998, durante la XIII Legislatura, la sua carriera subisce una svolta, con l'assunzione del ruolo - che ricoprirà fino al 2001 - di Portavoce del Ministro dell'Università e della Ricerca scientifica e tecnologica, sen. Ortensio Zecchino, nel I e II Governo D'Alema e nel II Governo Amato. Saranno anni intensi nel corso dei quali vengono riformati sia il settore universitario (con l'introduzione, fra l'altro, della Laurea triennale) che quello della Ricerca (con la realizzazione, per la prima volta, di un Piano nazionale di settore). Nello stesso periodo diviene anche Direttore della rivista Atenei, nuovo organo ufficiale dell'Università italiana.

Dopo le elezioni politiche del maggio 2001, nella XIV Legislatura viene chiamato a svolgere le funzioni di Portavoce del Ministro per gli Affari regionali, sen. Enrico La Loggia, nel II Governo Berlusconi. Manterrà l'incarico anche nel III Governo Berlusconi, fino al 2006. In quegli anni - nei quali curerà anche l'informazione della Conferenza Stato-Regioni - affianca il Ministro nell'impegnativo percorso legislativo teso alla trasformazione della Repubblica in senso federale. Si avranno, fra le altre, l'attuazione della riforma del Titolo V della Costituzione (con la legge "La Loggia" 131/2003) e l'ampia rivisitazione della seconda parte della Carta fondamentale (poi bocciata dal referendum confermativo del giugno 2006).

Nella seconda metà del 2006 è Consulente della Presidenza della Giunta Regionale del Molise.
Nella breve XV Legislatura (2006-2008), è Capo Ufficio stampa dell'UDC e Portavoce del Segretario nazionale del partito, on. Lorenzo Cesa. Sarà un periodo politicamente molto delicato, che sfocierà nel distacco dei centristi dall'alleanza con Berlusconi, dopo il loro rifiuto di sciogliersi nel neonato Popolo della Libertà.

Nella prima parte della XVI Legislatura è Portavoce del Sottosegretario di Stato per i Beni e le Attività culturali, on. Francesco Maria Giro, nel IV Governo Berlusconi. Si avranno molte polemiche sui tagli alla Cultura imposti dalle manovre finanziarie varate per fronteggiare la difficile congiuntura economica internazionale. Ma, nel contempo, si effettueranno fra l’altro significativi interventi per la riqualificazione dei Fori romani e si disporrà il commissariamento dell’area archeologica di Pompei.

Il 29 gennaio 2010 l’on. Enrico La Loggia è nominato Presidente della Commissione parlamentare per l'Attuazione del federalismo fiscale e lo richiama a collaborare al suo fianco. Mantiene l'incarico fino al termine della Legislatura, nella primavera del 2013.

Dal 15 maggio del 2004 al 15 maggio 2014 è Portavoce del Comitato Atlantico Italiano.

Dal 1° luglio 2014 al 30 giugno 2015 è Capo di Gabinetto del Sindaco di Torre del Greco, dr.Ciro Borriello.

Dal 15 marzo 2016 è Consulente della Commissione parlamentare per gli Affari Regionali fino alla conclusione della XVII Legislatura il 23 marzo 2018.

Il 1° ottobre 2018 è nominato Capo di Gabinetto del Sindaco di Torre del Greco, dr.Giovanni Palomba.
Per il suo impegno al servizio delle Istituzioni, il Presidente Ciampi lo nomina nel 2003 Ufficiale dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana. Nel 2009 il Presidente Napolitano gli conferisce l'onorificenza - all'epoca fu fra i più giovani d'Italia a riceverla - di Commendatore dell'OMRI.

Tiene regolarmente lezioni e corsi di giornalismo e comunicazione istituzionale presso Istituti d'istruzione superiori, Università ed Enti di formazione e ricerca.

Parla il Francese (bene), l'Inglese (discretamente) e lo Spagnolo (discretamente). 

Appassionato viaggiatore, ha visitato 157 Paesi nel corso di oltre 1.600 visite all'estero.

 

decreto di nomina